Famiglie Nobili di Sicilia  
Cerca per parola chiave
VoceFamiglie Nobili - Sabia -> Susinno Statella
2 record(s) trovati..
Blasone - famiglia Statella Visto: 444
Voti: 5.5   [Vota] [Riferisci errore]

Statella




Origine -> Descrizione - famiglia Statella Visto: 481
Voti: 4   [Vota] [Riferisci errore]

Da un Accursio Statella 1326, della famiglia Statel di Francia appartenente a' duchi di Borgogna, proviene a quanto ne pensano gli scrittori di cose nobiliarie sicule, quella non poco illustre di Sicilia. Ricordiamo intanto con distinzione: un Gletto Statella carissimo a rč Roberto di Napoli dal quale ottenne conferma dello stemma gentilizio di sua famiglia che era quello de' conti Statella anticamente duchi di Borgogna; un Arrigo signore di Castania e della Limina; un Francesco gran siniscalco del regno; altro Francesco barone del Mongiolino, gran siniscalco del regno, capitano giustiziere di Catania, barone di Spaccafomo e di altri feudi, che rinunziato il mondo si fece gesuita; un 3° Francesco, XX conte di Statella, VI gran siniscalco del regno e primo marchese di Spaccaforno 1598; un Antonio investito dei detti Stati 1626, governatore della nobile compagnia della Pace 1636 e pretore di Palermo 1643; un 6° Francesco primo principe di Sabuci (Montegrifone), primo principe di Villadorata e capitano giustiziere di Palermo 1702; un 2° Antonio, investito 1711, gią governatore della compagnia della Pace 1705; un 7° Francesco, marchese di Spaccaforno, investito 1732, principe di Villadorata e di Sabuci, signore delle r. Segrezie di Taormina, barone de' feudi di Mongiolino, s. Cataldo, della Fusca, Casalvecchio, delli Servi e della Sposa, Pietrarossa, Colle Soprana e Sottana, Callura, Cannata, Tamburello, Li Cogni, Graffolongo, s. Basilio, delle Marine della Morza, e di s. Maria del Focallo, XXVI conte Statella, XII gran siniscalco del regno, gentiluomo di camera con esercizio, cavaliere del san Gennaro e dell'ordine gerosolimitano, brigadiere dell'esercito; un 8° Francesco, principe di Cassaro, gentiluomo di camera, segretario di stato del ministero di giustizia, fregiato del s.Gennaro e del s. Ferdinando, luogotenente e capitan generale del regno di Napoli 1810, consigliere di stato, e maggiordomo maggiore; un 3° Antonio, principe di Cassaro ambasciatore alla corte di Torino 1816, a quella di Spaglia 1827, di Vienna ministro d'affari esteri in Napoli 1840, presidente del ministero 1859, gentiluomo di camera, grande di Spagna, di prima classe, gran croce degli ordini di s. Ferdinando, s. Gennaro e Francesco I di Napoli, della santissima Annunziata di Sardegna, del Toson d'Oro e di Carlo III di Spagna, del s. Stefano d'Ungheria ec. un Giovanni, tenente generale, comandante la r. piazza di Napoli; un Enrico ed un Giuseppe marescialli di campo; un ultimo Francesco, marchese di Spaccaforno, principe di Cassaro ec. gentiluomo di camera, consultore di stato, direttore del ministero di Sicilia, commendatore dell'ordine di Francesco I, cavaliere del s. Gennaro, e dell'ordine gerosolimitano, per la di cui morte tutti i titoli passarono al fratello Cesare, il quale essendo rimasto celibe viene oggi la rappresentanza di questa illustre famiglia a cadere in persona di Pietro Statella e Moncada principe di Mongiolino, lasciato erede di tutti i beni del cennato ultimo Francesco di lui fratello.
Arma: inquartato; nel 1° e 4° di oro con un'alabarda d'argento, manicata di nero; nel 3° e 4° di rosso con un castello d'oro. Corona e mantello di principe.



Vedi anche...
[no related categories]

Copyright ©2010-2011 CastellammareOnline, ASPapp.com